Milano Food Week

Filippo La Mantia

Chef

Filippo La Mantia

Filippo La Mantia nasce a Palermo nel 1960 e cresce in una famiglia dove il cibo, come in tutte le famiglie del Sud, è sinonimo di amore, tradizione, famiglia e convivialità. Le sue origini rimarranno, infatti, il tratto fondamentale della sua cucina. Trasferitosi a roma nel 2001 inizia a cucinare nelle case private, un po’ per gioco un po’ per curiosità. ed è proprio qui e grazie a questa esperienza che capisce come il suo modo di “fare cucina” piaccia tanto alla gente.

La Mantia decide di studiare per comprendere meglio come funziona un “luogo” come il ristorante, una realtà totalmente differente dalle case private: è così che apre il ristorante e lui intraprende per la prima volta quello che diventerà poi il suo vero lavoro e la sua grande passione.

Nel 2003 decide di intraprendere una nuova avventura: lascia il ristorante per aiutare una sua cliente (poi diventata molto amica) supportandola nell’apertura di un resort con spa nell’Isola di Java in Indonesia.

È in questo periodo che nasce in lui la concezione di cucina come elemento fondamentale per incuriosire le persone attraverso un’idea molto personale di cibo:  “se il cuoco nutre le persone in maniera semplice e facile, loro percepiranno il progetto con gioia e vorranno tornare e parlarne”.

Tornato da java La Mantia viene contattato per risollevare le sorti di un ristorante nel pieno centro di Roma e anche in questo caso non si smentisce. Nel 2007 Filippo lascia il ristorante e si trasferisce per una stagione in Costa Smeralda, dove accetta l’invito del Safina, ristorante all’interno del Pevero Golf Club ed è proprio in Sardegna che incontra e conosce i proprietari di un grande albergo romano e accetta la loro proposta di collaborare ed aprire un nuovo ristorante al proprio interno: un successo senza precedenti. un grande lavoro, una grande brigata, un grande gruppo.

Nel 2013 La Mantia decide di intraprendere una nuova avventura, lascia Roma per trasferirsi a Milano e  realizzare il sogno di una vita da cuoco: aprire il suo ristorante!

Sempre presente per il sociale, partecipa a numerosi eventi benefici; per lui “attraverso il cibo i cuochi devono poter dare sempre e comunque a tutte quelle persone che hanno bisogno”.

Torna a volti